Ok, Facebook ormai è entrato a pieno nella vita di (quasi) tutti quanti. Io ho sempre cercato di evitare questo ingegnoso strumento. Si, è assai utile, ma mai bisognerebbe abusarne.
Come previsto tutti i miei amici si sono iscritti, ogni persona ormai lo usa quasi quotidianamente. Io No. Non lo volevo fare. Ma si sa, l’uomo è debole, ed io lo sono stato. Anche io quindi mi sono iscritto a Facebook (c’è anche una chat tipo Messenger!). Quindi ora sono anche lì, sì. Ho anche affiancato al blog il mio profilo sul sito.

Ma passiamo ad altro, ora che torno finalmente ad aggiornare il blog. La scuola è Ok, è tutto ok tranne Oruden.
Avevo annunciato che ero incappato in una specie di “errore” trovato lungo la seconda stesura, e che mi ero sbloccato, infatti. Ma la via è piuttosto complicata, perché l’inizio (e quindi lo “scheletro del romanzo”) subiranno un brutale cambiamento. In meglio, ovvio. Anche perché io non smetterò di scrivere fino a che questo libro non esco perfetto. Anche ci volessero altri dieci anni, perché io non aspiro ad essere un altro di quei giovani autori che fanno parte del cosiddetto Baby-Boom.

Annunci